Obehi Ewanfoh

Mi Devi Ancora Un Addio

Mi Devi Ancora Un Addio

“Con questo romanzo l’autore porta in superficie la misura della perdita: il dispiacere e il dolore che il giovane Ehizoya ha dovuto affrontare con la dipartita della sua amata nonna, che lo aveva allevato sin dall’età di due anni. Vivendo nel villaggio di Idubhuesogban, distante pochi chilometri dal suo effettivo villaggio di Idumhughulu, Ehizoya era affettivamente legato alla nonna, una tipica donna Esan dalla quale il ragazzo ha appreso il significato della resistenza, del perdono, dell’amore e della comprensione.

A volte, quando la morte bussa alla porta, le grandi aspettative della vita risultano realizzate a metà. Il giovane Ehizoya aveva programmato un finale felice, assieme alla sua amata nonna. Aveva sognato il modo in cui le avrebbe narrato l’esperienza dei suoi sei anni di scuola primaria, ma, sfortunatamente, la morte aveva fatto sentire troppo presto la sua chiamata. Arrivò, arrecando al povero Ehizoya dolore e profonda perdita. Sulla morte della nonna egli provò a descrivere questi sentimenti: “Anche se avevo solo tredici anni, ero in grado di capire che si trattava di un grave momento. Un momento che mi aveva quasi portato via la voce e che mi faceva sentire come se non fossi, di fatto, mai esistito…” -Premessa, Helen Osebor, Laureata in Filosofia, Ambrose Ali University Ekpoma, Nigeria.

Close Menu